Riduzione oneri detraibili  - Domenico PROIETTI
Dichiarazione di Domenico Proietti Segretario Confederale UIL
Elaborazione UIL su riduzione oneri detraibili dal 19% al 17%
detrazioni_large.jpg
29/09/2018  | Sindacato.  

 

 

DICHIARAZIONE DI DOMENICO PROIETTI SEGRETARIO CONFEDERALE UIL

 

 

Da tempo la UIL sostiene la necessità di operare una rimodulazione delle agevolazioni e delle detrazioni, la cui enorme mole si è stratificata in tanti decenni, ma bisogna farlo operando scelte intelligenti e funzionali ad un disegno di equità fiscale. A riguardo si può mettere a frutto l’ottimo lavoro fatto dalle commissioni istituzionali ad hoc.

 

È quindi necessario intervenire in maniera selettiva e non con un taglio lineare.

 

L’ipotesi circolata in questi giorni di un taglio pari al 2% dell’aliquota degli oneri detraibili al 19% (tra i quali le spese mediche, le spese per l’assistenza personale, gli interessi passivi dei mutui per la prima casa, le spese universitarie o le spese per asili nido) garantirebbe allo Stato un maggior gettito intorno ai 580 milioni di euro, ma graverebbe per oltre il 70% sui redditi fino a 35.000 euro lordi annui. Un costo che, quindi, ricadrebbe nuovamente sui redditi medio bassi, come si evince dalla simulazione realizzata dal servizio politiche fiscali Uil.