SICUREZZA  - PierPaolo Bombardieri
Bombardieri «Bisogna porre una questione generale su legalità e sicurezza sul lavoro»
Il leader della UIL conclude la Manifestazione nazionale degli edili
BOMBARDIERI13112021.jpg
13/11/2021  | Sindacato.  

 

 

«È una giornata per ricordare che abbiamo ancora troppi morti sul lavoro: questa piazza chiede dignità e sicurezza per le lavoratrici e i lavoratori. E lo chiede al governo, alle controparti e all´opinione pubblica». È quanto ha dichiarato il Segretario generale della Ui, PierPaolo Bombardieri, intervenendo alla Manifestazione nazionale degli edili «Basta morti sul lavoro», organizzata delle categorie del settore FenealUil, Filca Cisl, Fillea Cgil.

«Quest´anno, ad oggi - ha proseguito Bombardieri - i morti sul lavoro sono più di settecento, ma negli ultimi 10 anni sono stati 15mila. Ci sono troppi silenzi e troppi ritardi anche nei processi per individuare le responsabilità di chi viola le norme .

Il governo - ha ricordato il leader della Uil - ha fatto delle scelte importanti, ma non bastano. Bisogna porre una questione generale, in questo Paese, in merito alla legalità e alla sicurezza. Chiediamo, dunque, che nella legge di bilancio siano previste assunzioni e che ci siano interventi per la formazione soprattutto per i giovani che entrano nel mondo del lavoro. Il 30% degli incidenti coinvolge giovani nei primi tre mesi del loro impiego.

 

E un altro 30% riguarda lavoratori tra i 55 e i 64 anni: un motivo in più - ha concluso Bombardieri - per chiedere, soprattutto per questo settore, la possibilità di uscire dal lavoro con 30 anni di contributi».

 

 

 

Roma, 13 novembre 2021