LAVORO  - PierPaolo Bombardieri
Bombardieri: «Bisogna evitare il rischio di una bomba sociale»
Il leader della UIL a Bari per la manifestazione nazionale di CGIL, CISL, UIL
ppb20210626.jpg
26/06/2021  | Sindacato.  

 

 

«Bisogna fare attenzione, ci sono crisi e situazioni che rischiano di esplodere, dobbiamo evitare che tutto ciò diventi una bomba sociale a partire dal 1 luglio». Lo ha detto il segretario generale della Uil, Pier Paolo Bombardieri, a Bari, alla mobilitazione nazionale "Ripartiamo, insieme" organizzata da Cgil Cisl Uil in a Bari, Torino e Firenze per chiedere il prolungamento del blocco dei licenziamenti e il rispetto delle persone, del lavoro, della sicurezza.

 

«Da un po' di tempo - ha detto Bombardieri - denunciamo il rischio di tensioni sociali e ci dicono che siamo dei terroristi, ma noi abbiamo, purtroppo o per fortuna, la capacita' di ascoltare le persone che soffrono, che oggi vedono messo a rischio il loro futuro. Ecco perché - ha sottolineato Bombardieri - bisognerebbe prolungare di quattro mesi ancora il blocco dei licenziamenti. Noi siamo disponibili al dialogo e abbiamo spiegato che la proposta dei licenziamenti selettivi presenta difficoltà tecniche per l’identificazione delle filiere. Alle imprese, i soldi sono stato dati senza nessuna selezione: chiediamo lo stesso trattamento per le lavoratrici e i lavoratori. La politica e il Governo, dunque, facciano attenzione al lavoro per far ripartire questo Paese dal lavoro e dalla sicurezza: non si può recuperare il profitto perduto sulla pelle dei lavoratori. Il Governo e la politica- ha concluso Bombardieri - ascoltino queste piazze da cui sale la richiesta di una società diversa, che consideri prioritarie le persone».

 


Bari, 26 giugno 2021