REPORT INAIL COVID-19  - Ivana VERONESE
Veronese: Pił di 100mila denunce infortunio sul lavoro per contagio Covid-19, 49mila tra ottobre e novembre
Abbiamo gią raggiunto il picco?
CovidLavoro_large.jpg
23/12/2020  | Sindacato.  

 

Con la seconda ondata della pandemia hanno raggiunto la quota totale di 104.328 le denunce di infortunio sul lavoro a seguito di contagio da Covid-19. I dati di ottobre e novembre hanno superato anche il numero delle denunce registrato nella prima fase: il 47% la quota di denunce sul totale contro il 44,5% di marzo e aprile.


Sono i dati dell'ultimo Report Inail, aggiornati al 30 novembre di quest'anno, resi noti nella giornata di ieri, che confermano un aumento significativo dei contagi da Covid-19 sul lavoro, gią segnalato nel monitoraggio precedente. Una vera e propria emergenza quella della mancata tutela della salute di lavoratrici e lavoratori che sta assumendo, soprattutto in alcuni territori e settori, connotati di estrema gravitą.

A pagare il prezzo pił alto, infatti, con la metą delle denunce, sono le regioni del Nord-Ovest. Il settore della sanitą e assistenza sociale si conferma quello che pił di tutti registra contagi tra le lavoratrici e i lavoratori. Anche le denunce di infortunio con esito mortale, 366 in totale, aumentano di mese in mese: 34 in pił rispetto al mese precedente, 20 solo nel mese di novembre.

Come UIL, riteniamo che questi numeri debbano seriamente allarmare, ancora di pił se pensiamo che, in realtą, sono solo numeri parziali e in fase di consolidamento. Il consuntivo di fine anno obbligherą tutti noi ad una seria riflessione su quanto ancora dovremo impegnarci per riuscire nella tutela delle lavoratrici e dei lavoratori che rappresentiamo.


Roma, 23 dicembre 2020