PUBBLICO IMPIEGO  - PierPaolo Bombardieri
UIL: garantire rispetto di norme e protocolli di prevenzione e sicurezza per i dipendenti pubblici
pubblica_amministrazione2_large.jpg
10/06/2020  | Pubblico_Impiego.  

 

 

I lavoratori del pubblico impiego vogliono tornare a lavorare nei propri uffici e sedi di appartenenza.

 

Lo chiedono consapevoli del ruolo fondamentale che ricoprono nella quotidianità di tutti noi cittadini quale perno strategico per il benessere e lo sviluppo della nostra comunità e, proprio in questi giorni di graduale riconquista della normalità e progressivo riavvio di tutte le attività lavorative, sentono il bisogno di esser al fianco dei cittadini come motore della ripresa del Paese.


Chiediamo, quindi, al Governo di garantire, come nei settori privati e al fine del normale rientro dei lavoratori pubblici nelle loro sedi di lavoro, il pieno rispetto di tutte le norme e i protocolli di prevenzione e sicurezza sugli ambienti di lavoro dei comparti pubblici.


Allo stesso tempo, evidenziamo la positiva funzione svolta dallo smart working nel modo di immaginare la macchina pubblica, più veloce e snella.


Ecco perché chiediamo la negoziazione di standard e principi strutturali per lo smart working nei settori del pubblico impiego per segnare con decisione la transizione da "home working", come di fatto è stato in questi mesi nelle nostre PP.AA., ad un compiuto smart working, teso alla migliore conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, praticato in una cornice adeguatamente attrezzata, sicura e di pari opportunità e disciplinato dalla contrattazione collettiva.


Analogamente nel comporto scuola, fermo restando per le figure amministrative e tecniche la possibilità di svolgere il lavoro in smart working, si rivendica il ritorno alla didattica in presenza che non è sostituibile dalla didattica a distanza che resta una procedura complementare e non succedanea di quella in presenza.


Registriamo il ritardo di un piano strategico che, con opportuni investimenti, consenta la riapertura delle scuole, da settembre, in assoluta sicurezza contemperando il diritto allo studio con il diritto alla salute di lavoratori e studenti.

 

 

Roma, 10 Giugno 2020