SCUOLA  - Benedetto Attili
Barbagallo: “Per assicurare la riapertura delle scuole a settembre servono più risorse e più personale”
Barbagalllo_VideoCall_20200604.jpg
04/06/2020  | Sindacato.  

 

 

La riapertura delle scuole a settembre è stato l’oggetto del confronto tra il Governo, i Sindacati e le Associazioni della società civile, svoltosi, questo pomeriggio, in videoconferenza, alla presenza del Premier Giuseppe Conte. Per la Uil hanno partecipato il Segretario generale, Carmelo Barbagallo, il Segretario generale aggiunto, Pierpaolo Bombardieri, il Segretario generale della Uil scuola, Pino Turi, e la Segretaria organizzativa, Noemi Ranieri.

 

I Sindacati di categoria si sono presentati con un documento condiviso, chiedendo un provvedimento legislativo organico, un Piano finanziato, per poter riaprire le scuole a settembre e garantire le consuete attività scolastiche in assoluta sicurezza per il personale e per gli alunni.

 

“L’obiettivo - ha detto Barbagallo - è quello della ripresa dell’attività didattica in presenza, quanto più possibile diffusa e generalizzata. Ma perché ciò avvenga secondo i necessari criteri di sicurezza, servono risorse e più personale. In questo quadro, si inserisce anche la richiesta di assunzione e di tutele per i precari. Peraltro - ha proseguito il leader della Uil - noi chiediamo che le scuole siano ristrutturate, per assicurare l’incolumità di chi le frequenta e di chi ci lavora e, inoltre, che si investa in tecnologie e digitalizzazione, così da strutturare una didattica più moderna ed efficiente.

In sostanza, serve un piano che si accompagni al Protocollo del Comitato Tecnico Scientifico. E, tal proposito - ha concluso Barbagallo - le indicazioni che sono state definite dai Sindacati di categoria rappresentano, certamente, un punto fondamentale per una ripresa dell’attività didattica che dia garanzie e prospettive agli studenti e al personale scolastico”.