8 MARZO  - PierPaolo Bombardieri
Bombardieri: Non è giornata di festa, ma di mobilitazione per i diritti delle donne
Investimenti per occupazione femminile e infrastrutture sociali
Top_8Marzo.jpg
08/03/2021  | Sindacato.  

 

 

“Oggi non è una giornata di festa, ma di mobilitazione, di impegno e anche di rabbia per tutto ciò che non siamo riusciti a cambiare e per i mancati riconoscimenti dei diritti delle donne". Così il Segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, ha introdotto il suo intervento in occasione dell'iniziativa organizzata al Cnel da Cgil, CIsl, Uil per la giornata della donna e presieduta dalla Segretaria confederale, Ivana Veronese.

 

"Le donne - ha detto Bombardieri - sono sempre state in prima linea e continuano a farlo in modo silenzioso. La pandemia ha colpito in modo più forte proprio loro: nel mondo del lavoro, ne sono state contagiate 70 su 100 e, inoltre, si registrano 312 mila lavoratrici in meno. Peraltro - ha proseguito il leader della Uil - questa emergenza sanitaria ha evidenziato, ancora una volta, il coraggio delle donne: nelle strutture sanitarie, dove le donne medico sono il 54%, nella scuola, nei luoghi di lavoro, nelle famiglie. Dovremmo essere a loro più riconoscenti, chiedere più investimenti per l'occupazione femminile e, inoltre, averne più cura, a partire dalla necessità di rivendicare più infrastrutture sociali. Questo - ha sottolineato Bombardieri - è uno strumento fondamentale per ripartire, nella consapevolezza che il futuro appartiene alle donne che credono e combattono per la parità"