CONTRATTAZIONE  - PierPaolo Bombardieri
Bombardieri: senza rinnovo dei contratti non si fanno passi avanti
Le aziende sono dei lavoratori, non dei padroni
Top.07.09.2020.jpeg
07/09/2020  | Sindacato.  

 

 

“Se non partiamo dal rinnovo dei contratti, non possiamo fare passi avanti: è un elemento discriminante”. È netta la posizione del Segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, al tavolo del confronto tra i Sindacati e Confindustria che, proprio oggi, ha preso il via presso la sede dell’Associazione degli imprenditori. “Nessuno disconosce il Patto per la Fabbrica - ha proseguito Bombardieri - che resta un punto di riferimento, ma è bene ricordare che i contratti li sottoscrivono le categorie. Che cosa intendeva il Presidente Bonomi quando ha proposto una rivoluzione nei contratti? La storia insegna che quando la rivoluzione la fanno i potenti, si chiama dittatura. La rivoluzione in questo Paese la si fa ridando potere d’acquisto ai lavoratori e rinnovando i contratti. Se questo non avvenisse, la rivoluzione la faremo andando in tutti i luoghi di lavoro a spiegare quello che succede.

 

Così come vorremmo parlare di innovazione, ricerca, produttività, ma fino a quando non si sottoscrivono i contratti, è difficile procedere su questi temi. Peraltro, quando facciamo le assemblee nelle fabbriche - ha sottolineato, poi, Bombardieri - sento che i lavoratori parlano della “mia azienda”: le aziende, dunque, non sono dei “padroni” ma dei lavoratori, che per farle vivere ci mettono sudore, sangue e, drammaticamente, a volte, anche la loro stessa vita. Ecco perché i contratti devono essere rinnovati.

 

C’è una notizia positiva - ha precisato il leader della Uil - la mobilitazione dei lavoratori e la determinazione del Sindacato ha prodotto un primo risultato: il Presidente Bonomi ha dichiarato che si impegnerà per far chiudere il contratto della sanità privata. Resta, però, quello del settore alimentare, firmato solo da alcune Associazioni datoriali, e tutti gli altri scaduti o in scadenza. Speriamo che questi ostacoli vengano superati - ha concluso Bombardieri - per proseguire il complessivo confronto interconfederale e per sottoscrivere tutti i contratti”.

 

 

Roma, 7 settembre 2020