PUBBLICHIAMO I COMUNICATI UNITARI  - Alessandra MENELAO
Stalking, 162 ter: inaccettabile includere stalking tra reati estinguibili con risarcimento
cgilcisluil_large4a.jpg
28/06/2017  | Mobbing&Stalking.  

 

 

Roma, 28 giugno - «La denuncia  lanciata dai sindacati in merito allo stalking, di fatto in parte depenalizzato dalla riforma del processo penale, non è una bufala, tantomeno un 'procurato allarme', come qualcuno improvvidamente ha scritto. Ma evidenzia la necessità di una maggiore cura e attenzione nel formulare norme che attengono alla sfera della tutela delle donne vittime di stalking». È quanto si legge in una nota unitaria a firma Loredana Taddei, responsabile nazionale delle Politiche di Genere della Cgil, Liliana Ocmin, responsabile del coordinamento nazionale donne Cisl e Alessandra Menelao, responsabile nazionale dei centri di ascolto della Uil.


«È un fatto innegabile - proseguono - che con il nuovo art.162 introdotto dalla recente Riforma della Giustizia sarà possibile estinguere i reati perseguibili a querela con le condotte riparatorie, con un risarcimento". Per le dirigenti sindacali "è grave che tra questi reati, poiché non è stato espressamente escluso dal 'calderone' di quelli che si possono rimettere, sia di fatto compreso anche lo stalking».



Per Taddei, Ocmin e Menelao è quindi necessario "che il reato, nella parte in cui prevede la remissione della querela, venga espressamente escluso dalla 162 ter, e soprattutto che non sia monetizzabile". "Il danno che produce anche sul versante culturale - sostengono - è enorme, e porta alla sottovalutazione dei segnali di stalking cosiddetti 'meno gravi', ma che per il loro potenziale meno gravi non sono, e che se perseguiti possono impedire l'escalation della violenza, vero nodo del fenomeno dello stalking".



"È inaccettabile - concludono le responsabili di Cgil, Cisl e Uil - che la politica non presti l'attenzione dovuta a temi come quello della violenza contro le donne, ormai ogni giorno al centro dei fatti di cronaca".

 

 

Cgil,Cisl,Uil: reato cancellato, una vergogna nel paese dove una donna viene uccisa ogni due giorni

 

Roma, 27 giugno - Lo Stato non può tradire le donne due volte, prima esortandole a denunciare e poi archiviando le denunce, o peggio, a depenalizzare il reato di stalking. A una settimana dall'efferato femminicidio della oncologa Ester Pasqualoni, uccisa dallo stalker contro il quale aveva presentato due denunce, entrambe archiviate, scopriamo che nella legge di riforma del codice penale, approvata il 14 giugno 2017, si prevede l'introduzione di un nuovo articolo: il 162 ter, che prevede l’estinzione dei reati a seguito di condotte riparatorie. Uno di questi reati è lo stalking.

 

Senza il consenso della vittima l’imputato potrà estinguere il reato pagando una somma se il giudice la riterrà congrua, versandola anche a rate. La denuncia arriva da Loredana Taddei, Responsabile nazionale delle Politiche di Genere di Cgil, Liliana Ocmin, Responsabile del coordinamento nazionale donne Cisl e da Alessandra Menelao, Responsabile nazionale dei centri di ascolto della Uil.

 

Si presume inoltre che la legge sia estesa a tutti i reati contro la persona che prevedono una pena di 4 anni di condanna.

 

Un'assurdità di una gravità assoluta, peraltro, in totale contrasto anche con la Convenzione di Istanbul.

 

Quante donne uccise o perseguitate dobbiamo contare dopo che questa nuova norma verrà pubblicata in Gazzetta Ufficiale? Indipendentemente dalla volontà della vittima basterà al reo (come se fosse al mercato a comprare della carne fresca) presentare un’offerta risarcitoria che sia congrua per il giudice, e magia delle magie, il reato verrà estinto.

 

Il reato di stalking non può essere depenalizzato in un paese come l'Italia dove ogni due giorni viene uccisa una donna e che ha registrato nel 2016 120 femminicidi. E dove evidentemente non c'è la volontà politica di combattere questa mattanza.

 

 

Roma, 27 giugno 2017 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!