Immigrazione  - Ivana VERONESE
È possibile anticipare i futuri flussi migratori?
L'analisi dell'OCSE sull'ultimo numero della rivista Migration Policy Debates
futuri-flussi-migratori.jpg
04/07/2018  | Immigrazione.  

 

migration-policy-debate-logo

 

(Fonte: OECD)  Un certo numero di segnali di allarme erano identificabili negli anni precedenti il 2015, anno in cui è esplosa la crisi dei rifugiati in Europa . Tuttavia il mondo è stato colto di sorpresa dai movimenti di migrazione di massa dal Medio Oriente e dall'Africa. In passato, ciò è avvenuto anche nel contesto dei principali shock geopolitici o ambientali. La capacità di anticipare i flussi migratori sembra, in realtà, in generale essere piuttosto debole. La possibilità per i paesi di transito e di destinazione di anticipare i movimenti migratori è tuttavia fondamentale per garantire una gestione efficace dei sistemi di asilo, migrazione e integrazione. Recentemente, alcuni paesi dell'OCSE e dell'UE hanno sviluppato strumenti per prevedere le tendenze migratorie a breve e/o a lungo termine o per valutare incertezze e rischi migratori, ma molti paesi hanno ancora capacità limitate in questo settore. L'ultimo numero della rivista Migration Policy Debates curata dall'OECD, presenta i risultati di un esercizio di valutazione delle pratiche esistenti per anticipare meglio i diversi tipi di movimenti migratori. In particolare, vengono riportati gli esiti dalla conferenza congiunta EASO-OCSE "Dal panico alla pianificazione: disimballaggio degli strumenti politici per anticipare le tendenze migratorie" (Parigi, giugno 2016) e avanzate proposte per migliorare i sistemi di previsione dei flussi migratori.

 

La conclusione a cui giunge l'analisi è che nessun approccio generale si adatta alle esigenze delle diverse categorie di migrazione e a tutti i tempi. In tale contesto, fondamentale appare rafforzare la cooperazione internazionale, per condividere saperi ed informazioni sulla situazione dei migranti lungo le principali rotte migratorie e per condividere risorse per lo sviluppo di strumenti analitici complessi. In Europa, ciò che è già stato realizzato dall'EASO e da altre agenzie dell'UE (ad esempio Frontex, IPCR, Eurodac, Eurojust) non dovrebbe essere sottovalutato, ma dovrebbe essere mantenuto al di là degli episodi di crisi. E ancora, si potrebbe fare di più per anticipare le esigenze a medio termine in particolare in termini di integrazione e condividere tali informazioni con tutte le parti interessate per scopi di programmazione, in particolare a livello locale. Ad esempio, quanti richiedenti asilo dovrebbero uscire dal processo di asilo nei prossimi due mesi? Quali sono i loro profili? Ecc. Lo stesso vale per le politiche di ritorno e reintegrazione. E anche quando le previsioni vengono fatte in modo tempestivo e accurato, si pone il problema del modo migliore per comunicare le informazioni disponibili alla leadership politica. Ad esempio, nel contesto delle guerre civili in Libia e Siria e dell'instabilità in Iraq, leggendo il rapporto sulle tendenze globali dell'UNHCR del 2014, non c'erano dubbi sul fatto che si sarebbe verificata una grave crisi e che l'Europa ne sarebbe stata colpita. Eppure, le teste sono state girate verso altre sfide immediate, in particolare in Grecia e in Ucraina.

 

Una lezione fondamentale appresa dalla crisi dei rifugiati  del 2015/16 è che, sebbene i sistemi di informazione possano essere messi in atto, date le inevitabili incertezze residue, non vi è alcuna garanzia che i responsabili politici agiranno in modo tempestivo, soprattutto se i costi politici o finanziari sono coinvolti.Ciò può essere raggiunto solo con un'impostazione istituzionale appropriata che consenta un ciclo di feedback tra le politiche e la ricerca, con una piena trasparenza sul livello di incertezza nelle informazioni fornite e con una relazione di fiducia di lunga data tra tutte le parti interessate.

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!