AMBIENTE  - Silvana ROSETO
Roseto: ''Conclusioni COP22 abbastanza in linea con posizioni sindacato internazionale''
''C'è il rischio che impegni restino sul piano teorico''
ambiente_large.jpg
19/11/2016  | Sindacato.  

 

 

Le conclusioni della COP22 sui cambiamenti climatici, svoltasi a Marrakech, sono abbastanza in linea con la posizione concordata in sede di Confederazione internazionale dei Sindacati. La ‘dichiarazione’ dei capi di Stato e di Governo, infatti, conferma che politiche ambiziose per la riduzione delle emissioni e l’adattamento ai cambiamenti climatici sono considerate essenziali per proteggere i posti di lavoro, le persone e le comunità dagli effetti negativi degli stessi cambiamenti climatici.

 

La Uil ritiene necessario definire con certezza gli impegni finanziari e tecnologici per il raggiungimento di questi obiettivi. Il rischio, infatti, è che le conclusioni assunte a Marrakech restino solo sul piano teorico, sia perché gli impegni precedenti non sono stati del tutto rispettati sia perché occorre reperire risorse ingenti a favore dei Paesi più poveri per aiutarli a sviluppare fonti di energia meno inquinanti.

 

A margine di COP22, la delegazione della Uil, insieme ad altre Organizzazioni, ha avuto un incontro con il Ministro dell'ambiente Galletti per discutere di politica ambientale italiana. È stata sottolineata, tra l'altro, la necessità di una pianificazione strategica perseguita attraverso il dialogo sociale e con il coinvolgimento democratico e partecipato dei Sindacati e delle comunità territoriali, al fine di evitare ogni contrapposizione tra lavoro, ambiente e sviluppo. 
 

 

Roma, 19 novembre 2016 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!