ECONOMIA  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: «Purtroppo il paese non va bene e dobbiamo confrontarci con molti problemi»
Il leader della Uil ai 25 anni della Uila
news070619.jpg
07/06/2019  | Economia.  

 

 

La Uila ha festeggiato oggi i suoi 25 anni. La categoria del settore agroalimentare, nata dalla fusione di preesistenti distinte realtà, ha celebrato l’evento con una manifestazione che ha coinvolto centinaia di dirigenti e attivisti, alla presenza dei vertici della Uila, con il Segretario generale Stefano Mantegazza, e della Uil, con il suo leader Carmelo Barbagallo.

 

“Sono stati 25 anni di successi - ha detto Barbagallo - che hanno portato la Uila, insieme alla Uil, a crescere in modo esponenziale. Il Paese, invece, purtroppo, non va bene e dobbiamo confrontarci con molti problemi. L’economia non cresce, le tasse sul lavoro e sulle pensioni continuano a essere troppo alte, gli investimenti sono carenti, il tasso di natalità è bassissimo, le prospettive sono incerte. Il Governo - ha proseguito il leader della Uil - deve chiedere all’Europa di cambiare le regole dell’austerità che non hanno fatto diminuire il debito e, dunque, evidentemente, sono sbagliate. Anche il Sindacato è contro l’austerità e in questa direzione, possiamo dare un sostegno per cambiare quelle politiche ed evitare, così, che l’Europa avvii la procedura di infrazione e ci “faccia a fettine”. Noi proseguiamo la nostra mobilitazione: domani con il pubblico impiego, venerdì prossimo con i metalmeccanici e sabato 22 con la manifestazione a Reggio Calabria per il Mezzogiorno, Ci auguriamo - ha concluso Barbagallo - che il Governo si renda conto che bisogna rilanciare l’economia anche restituendo potere d’acquisto ai lavoratori e ai pensionati: se prendesse piede l’ipotesi di una detassazione dei premi di produttività e degli aumenti salariali, sarebbe un’ottima cosa”.

 

 

 

Roma, 7 giugno 2019

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!