LAVORO  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: «Il Governo si confronti con il sindacato: possiamo indicare qualche soluzione utile per la manovra economica»
Il leader della UIL all'Assemblea Nazionale UILM su Ilva
Barbagallo_UILM_01102018.jpg
01/10/2018  | Sindacato.  

 

 

“L’accordo per l’Ilva potrà essere la svolta per la reindustrializzazione del nostro Paese”. Così il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, ha iniziato il suo intervento all’Assemblea nazionale della Uilm, convocata sul tema “Ilva, obiettivo raggiunto”. All’iniziativa hanno partecipato anche Segretari e rappresentanti delle altre categorie e della Confederazione: un momento di orgoglio per tutta l’Organizzazione che ha vissuto come una propria vittoria la firma di questa intesa.

 

E così realmente è stato, artefice principale il Segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, che nel suo intervento introduttivo ha ripercorso i passaggi più delicati della lunghissima vertenza. All’Assemblea ha partecipato anche il vicepremier e ministro del lavoro e delle attività produttive, Luigi Di Maio. Inevitabile il riferimento alla manovra appena varata dal Consiglio dei ministri. “Aspettiamo di vedere i testi - ha ribadito Barbagallo - e di capire se le risorse che verranno postate serviranno per la ripresa economica oppure no. Se riprende l’economia i debiti si ripagano, se l’economia continua a ristagnare i debiti non si riescono a pagare. Non vogliamo fare le cassandre e siamo disponibile a fare la nostra parte, me serve il confronto. Peraltro - ha proseguito Barbagallo - così come il dialogo e la partecipazione sono stati fondamentali per ottenere un ottimo risultato per l’Ilva, altrettanto lo possono essere su altri temi, come il fisco e le pensioni”.

 

Chiaro il messaggio indirizzato al Governo e, in particolare, al ministro Di Maio che Barbagallo ha ringraziato per il ruolo svolto nella trattativa relativa al colosso siderurgico e che ora, però, viene sollecitato a realizzare una manovra economica che tenga conto delle rivendicazioni sindacali. “Non abbiamo ancora i testi - ha sottolineato il leader della Uil - ma, stando alle prime dichiarazioni, nella legge di bilancio manca la riduzione delle tasse per i lavoratori e i pensionati. Così come bisogna valutare con attenzione la cosiddetta ‘quota 100’ per i lavoratori in uscita verso il pensionamento, perché questo meccanismo può essere utile per alcuni, ma scontentare tanti. Il confronto con il Sindacato - ha concluso Barbagallo - può essere utile per trovare le giuste soluzioni”.

 

 

Roma, 1 ottobre 2018

 
 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!