Guglielmo Loy: comunicato Stampa del 13/04/2018
Oim, 557 migranti morti nel Mediterraneo da inizio 2018
Oim, 557 migranti morti nel Mediterraneo da inizio 2018
13/04/2018  | Immigrazione.  

 

(ANSA) - GINEVRA, 13 APR - Dall'inizio dell'anno, 557 migranti hanno perso la vita nel Mediterraneo mentre tentavano di raggiungere l'Europa, secondo le ultime stime rese note oggi a Ginevra dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim).  Dal primo gennaio all'11 aprile, 16.847 migranti sono entrati in Europa via mare, contro i 33.602 segnalati nello stesso periodo dell'anno scorso. La maggior parte sono arrivati in Italia ed il resto in Spagna, Grecia e Cipro. Secondo il ministero dell'Interno italiano - citato dall'Oim - 6.894 migranti sono arrivati via mare in Italia, 74,53% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017 (27.069). In Italia gli arrivati – tra gli altri - provengono da Eritrea (1.552), Tunisia (1.431), Nigeria (465), Costa d’Avorio (298), Pakistan (290) e Libia (242).  I porti maggiormente interessati agli arrivi sono (in ordine di numero di sbarcati): Pozzallo, Messina, Catania, Augusta e Lampedusa.

 

In un recente rapporto anche l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) sottolineava il drastico calo degli arrivi via mare in Italia dal luglio 2017, ma anche come il viaggio verso l'Italia sia diventato sempre più pericoloso: nei primi tre mesi del 2018 - osserva l'Unhcr - il tasso di mortalità tra coloro che partono dalla Libia è salito a 1 decesso ogni 14 persone, rispetto a 1 decesso ogni 29 persone nello stesso periodo del 2017.

1) Salute: Ronzoni, la UIL aderisce alla Race for the cure <br/> 2) Dl Agosto: Assofondipensione, grande perplessità emendamento su fondi
25/09/2020: NEWS UIL. Le notizie della UIL

1) Salute: Ronzoni, la UIL aderisce alla Race for the cure
2) Dl Agosto: Assofondipensione, grande perplessità emendamento su fondi