LAVORO  - PierPaolo Bombardieri
Bombardieri: «No a ridimensionamento ruolo dell'Ispettorato nazionale del lavoro»
«Si consenta al magistrato Bruno Giordano di svolgere la sua funzione»
bombardieri15_NEW.jpg
19/07/2021  | Sindacato.  

 

 

 

 

La nomina del magistrato Bruno Giordano a capo dell’Ispettorato nazionale del lavoro è stata un’ottima notizia che, però, rischia già di essere offuscata. Un emendamento parlamentare al decreto legislativo in materia di disposizioni per la razionalizzazione e la semplificazione dell’attività ispettiva in materia di lavoro e legislazione sociale prevede, infatti, che “l’Inps e l’Inail continuino a esercitare le attività ispettive nelle materie di rispettiva competenza”.

 

Se passasse questa richiesta, è del tutto evidente che il ruolo dell’Ispettorato nazionale del lavoro risulterebbe già, in partenza, notevolmente ridimensionato e la sua efficacia, soprattutto nel contrasto agli infortuni sul lavoro, sarebbe compromessa. Noi crediamo che l’impegno per affermare il principio di “Zero morti sul lavoro” passa anche attraverso la capacità di coordinare e ricondurre a unità gli interventi necessari a far prevalere questa logica. Il percorso inverso sarebbe una contraddizione in termini rispetto alle ragioni che hanno indotto alla creazione dell’Ispettorato nazionale. Chiediamo, dunque, coerenza: si consenta al neo Direttore Capo di poter svolgere la sua preziosa funzione così come è stata ideata, nel rispetto della vita delle lavoratrici e dei lavoratori e della dignità del lavoro.

 

 

Roma, 19 luglio 2021