EUROPA  - PierPaolo Bombardieri
Bombardieri: «Le risorse Ue servono per la ripresa dell'Italia, ma anche per rilanciare l'Europa»
Il leader della Uil, a Milano, al Consiglio regionale e all'Electrolux di Solaro
bombardieri_20072020.jpg
20/07/2020  | Sindacato.  

 

 

Il Segretario generale della Uil, PierPaolo Bombardieri, ha partecipato oggi al Consiglio confederale della Uil Lombardia. «La presenza a Milano - ha detto il Segretario della Uil - è un'importante occasione per riprendere un confronto diretto con i quadri dirigenti e i delegati del territorio e per ribadire le nostre proposte per la ripresa dell'economia e per lo sviluppo. Dobbiamo ringraziare tutti gli operatori sanitari della Lombardia - ha proseguito Bombardieri - e tutte le lavoratrici e i lavoratori che con il loro impegno si sono sacrificati per dare le risposte necessarie ad affrontare la crisi pandemica. Proprio per questo, oggi più che mai, vogliamo ricordare la necessità di investire nella sanità pubblica».

Nel pomeriggio, inoltre, Bombardieri si recherà all'Electrolux di Solaro per incontrare i delegati di quello stabilimento.

Sulla riunione odierna, però, ha inevitabilmente aleggiato l'incertezza della trattativa in corso al vertice UE. "Speriamo - ha sottolineato il leader della Uil - che dall'Europa arrivino le risorse necessarie alla ripresa non solo del nostro Paese, ma della stessa Unione il cui futuro dipenderà molto dall'esito di questa vicenda. Al Premier olandese vogliamo ricordare che, in Italia, la percentuale della spesa per le pensioni sul Pil è inferiore alla media europea. Se appare diversamente, è perché non si è ancora provveduto a separare la previdenza dall'assistenza. Dunque - ha precisato Bombardieri - prima si farà questa banale operazione contabile e prima si uscirà da un madornale e dannoso equivoco: sarebbe di grande aiuto nei rapporti e nelle discussioni con l'Europa. Peraltro, l'Italia dovrebbe rivendicare maggiore equità fiscale, sapendo che alcuni, come l'Olanda ad esempio, continuano a comportarsi come dei paradisi fiscali, con conseguente danno per le economie dei singoli Paesi. Noi - ha concluso Bombardieri - siamo per un'Europa solidale e dei popoli e non dei calcoli e della finanza".
 

 

Milano, 20 luglio 2020