L'opinione

  • 16 Maggio 2017 Il Sussidiario.net
    SCUOLA/ Autonomia vs centralismo, non si può gettare la spugna

    Perché, negli anni in cui la burocrazia ha preso il sopravvento, l'autonomia è ancora l'unica chance per salvare la scuola?



  • 02 Maggio 2017 Il Giorno - 2 febbraio 1965
    L'antilingua

    (...) Ogni giorno, soprattutto da cent’anni a questa parte, per un processo ormai automatico, centinaia di migliaia di nostri concittadini traducono mentalmente con la velocità di macchine elettroniche la lingua italiana in un’antilingua inesistente. Avvocati e funzionari, gabinetti ministeriali e consigli d’amministrazione, redazioni di giornali e di telegiornali scrivono parlano pensano nell’antilingua. (...)



  • 24 Gennaio 2017 Corriere della Sera
    L'abbandono della scuola

    ... E' in tale congedo che sta il cuore autentico della crisi della scuola italiana (simile ma non eguale a quella di molti altri sistemi scolastici dell'area euro-occidentale). Esso ha voluto dire la perdita di qualsiasi orizzonte generale, la rinuncia a rendere l'istruzione il momento centrale della riproduzione sociale in senso alto, al tentativo - si può immaginare quanto temerario: e forse proprio per questo degno di essere perseguito - di fare di essa la matrice del carattere e della personalità. (...)



  • 17 Dicembre 2016 Gazzetta del Mezzogiorno
    La legge sulla buona scuola? Una delle trappole per Renzi. Turi: la nomina di Fedeli, una sindacalista, segno di discontinuità

    ... "questa volta il punto di caduta non è stato costituito dalle risorse finanziarie, bensì dal loro utilizzo. Professori spogliati di diritti storici (assegnazione di sedi di lavoro e classi), messi nelle mani di una dirigenza mai troppo condivisa (chiamata diretta), premi (il famoso bonus) assegnati in modo dirigista e decisamente opaco, assegnazioni di titolarità affidati ad un improbabile algoritmo che, alla prova dei fatti, si è rivelato fallace inefficace. (...)



  • 09 Settembre 2016 La Repubblica
    Primo giorno di scuola tra magia e solitudine

    Per chi suona la prima campanella
    Lettera a ragazzi e prof per cambiare la scuola

    Un legame che racchiude due missioni in una. Da una parte formare coscienze, asciugare lacrime, accendere passioni. Dall’altra un compito da medaglia olimpica: diventare adulti.



  • 31 Agosto 2016 Repubblica
    Quando un algoritmo trasferisce gli insegnanti

    (...) Quel che capita oggi è che una procedura farraginosa, continuamente corretta in corso d'opera, talmente complicata da non permettere un giusto accompagnamento da parte delle amminsitrazioni periferiche e soprattutto non limpida ha creato situazioni da un lato inattese e dall'altro improvvise. Spesso si trat trasferirsi da un giorno all'altro. (...)



  • 27 Maggio 2016 Corriere della Sera
    Concorsone: chi ha scritto le domande di storia?

    (...) Più che un esame un tentativo di decimazione, insomma: chi mai potrà aver corrisposto adeguatamente, infatti, a questo grottesco invito a redigere in novanta minuti l'enciclopedia della storia universale? (...)



  • 12 Marzo 2016 Corriere della Sera | Ernesto Galli della Loggia
    Il calvario linguistico che subiscono i nuovi propessori

  • 23 Febbraio 2016 Italia Oggi
    Valutazione docenti, la discrezionalità del dirigente non è pacifica

  • 29 Gennaio 2016 Corriere della Sera
    Gli studenti Erasmus? Italiani da premio

    "Dopo il tirocinio Erasmus+ il 51% dei ragazzi italiani riceve un'offerta di lavoro dall'impresa che l'ha ospitato. La media europea è del 30%." 



  • 08 Gennaio 2016 SETTE | Corriere della Sera
    Quanto potere ai presidi. La conferma degli insegnanti spetta a loro: non è troppo?

  • 12 Dicembre 2015 Edscuola
    Poveri insegnanti! Troppe sigle e poca didattica

    ...RAV, PdM, PTOF, (POF 3.0), PNSD, Fase C, organico potenziato, IND/2012, 107, 3, SNV, NIV, NEV, CdC, PON… e così via! Condivido in pieno le sue perplessità. Non sono un laudator temporis acti, ma ai miei tempi – si dice così – insegnavo! Punto e basta! Ora il povero insegnante è impegnato per legge in mille altre attività, di cui alle sigle riportate da Cerini.



  • 11 Ottobre 2015 Sole 24 Ore
    Renzo Piano: "Ecco la scuola che farei"

    ... la scommessa dei prossimi deceni: trasformare le periferie in pezzi di città felice. (...) La città che funziona è quella in cui si dorme, si lavora, ci si diverte e soprattutto si va a scuola. Dico soprattutto perchè mentre si decide di non visitare un museo, sui banchi di scuola ci devono passare tutti. Occuparsi di edifici scolastici è un rammendo che, ancor prima che edilizio, è sociale".



  • 08 Maggio 2015 Corriere della Sera
    Se contro la 'buona scuola' va in piazza il popolo del PD

  • 08 Aprile 2015 Sole 24 Ore
    Una nuova istruzione per meno disuguaglianze

    ..."Un'America forte perchè più equa, istruita e socialmente equilibrata è il retaggio che intende lasciare alla storia...



  • 10 Marzo 2015 La Stampa | L'editoriale dei lettori
    Latino per nativi digitali

    "L'umanesimo classico corre pericoli maggiori a causa dei suoi più accaniti difensori che non a causa di coloro che, attenti alle lezioni della storia, si sforzano di realizzare la sintesi necessaria fra l'eredità del passato e l'apporto della scienza moderna".