COMMEMORAZIONE BUOZZI  - Pierpaolo Bombardieri
Bombardieri: «Bruno Buozzi era un riformista dalla parte dei lavoratori»
Il suo esempio sia un faro per il sindacato italiano
buozzi040618.jpg
04/06/2018  | Sindacato.  

 

 

«Bruno Buozzi era un leader a tutto tondo, la cui vita è stata segnata da scelte lungimiranti e coraggiose: un riformista che è stato dalla parte dei deboli e dei lavoratori, della libertà, della giustizia sociale e della democrazia. I suoi valori sono le direttrici e la bussola della nostra Organizzazione e di tutti i sinceri laici che credono nel progresso e nella solidarietà, ponendo al centro dei processi di cambiamento le persone.»

 

Con queste parole, il Segretario organizzativo della Uil, Pierpaolo Bombardieri, ha ricordato, oggi, il grande sindacalista Bruno Buozzi, in occasione della cerimonia di commemorazione tenutasi questa mattina presso il cimitero Monumentale del Verano a Roma, promossa da Fondazione Nenni, Fondazione Buozzi, UIL , la UIL Fpl e Circolo Giustizia e libertà.

 

Assassinato dai nazisti il 4 giugno 1944, nell’eccidio de “La Storta”, Bruno Buozzi è il padre del sindacalismo italiano: «Il suo esempio e il suo sacrificio – ha continuato Bombardieri – rappresentano un faro per chi, come noi, ha scelto di dedicarsi agli altri, alla tutela dei lavoratori e del lavoro. È importante che la sua memoria resti viva e si alimenti: ricordare vuol dire consolidare le fondamenta costruire il futuro.»

 

Alla cerimonia di commemorazione hanno partecipato, tra gli altri, il Segretario Organizzativo UIL Pierpaolo Bombardieri, il Presidente della Fondazione Buozzi Giorgio Benvenuto e il Vice Presidente della Fondazione Nenni Carlo Fiordaliso.

 

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!