PENSIONI  - Domenico PROIETTI
Proietti: la spesa per pensioni in Italia è dell'11% rispetto al PIL
redditi-calcolatrice-big.jpg
16/01/2019  | Previdenza.  

 

 

Il FMI può stare tranquillo: la spesa per pensioni in Italia è dell´11% rispetto al PIL, assolutamente in linea con quella degli altri paesi della UE, anzi, un punto meno della Francia e mezzo punto meno della Germania.

 

Il tema da affrontare è quello di continuare a cambiare la Legge Fornero che ha portato l´età di accesso alle pensioni 4 anni sopra la media europea. L´azione del sindacato, volta a cambiare questa situazione, ha avuto risultati importanti con l’APE Sociale e Quota 41 per 15 categorie di lavori gravosi.

 

Oggi il Governo deve continuare a reintrodurre principi di equità e di giustizia per tutti i lavoratori.

 

Quota 100 è un passo importante al fine di garantire una flessibilità di accesso alla pensione, risponde alle esigenze dei lavoratori del nord e del settore pubblico, ma meno a quelle dei lavoratori del centro-sud dove i 38 anni di contribuzione si raggiungono con più difficoltà, ed è del tutto insufficiente per le donne.

 

Si deve poi assicurare che 41 anni di contribuzione sono sufficienti per l´uscita dal mondo del lavoro e valorizzare ai fini contributivi il lavoro di cura delle donne e la maternità. 

 

Inoltre, è essenziale prevedere meccanismi in grado di tutelare le future pensioni dei giovani.

 

Il decreto Legge deve anche contenere la proroga dell´APE sociale e opzione donna e completare la salvaguardia degli esodati.

 

 

Roma, 16 gennaio 2019

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!