DIRITTI & DOVERI
TFR o LIQUIDAZIONE

DIRITTI & DOVERI HOME

Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto o liquidazione) è un'indennità di carattere assicurativo, un risparmio forzoso indicizzato. Per il Datore di lavoro, l'accantonamento annuo del TFR, rappresenta sempre e comunque un costo di competenza dell'esercizio.
QUANDO SPETTA IL TFR
  • Il TFR è dovuto al lavoratore in ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro subordinato, la sua maturazione viene calcolata in funzione di ogni mese lavorato o frazioni superiori a 15 giorni.
COME SI CALCOLA IL TFR
  • Il TFR si calcola sommando, per ciascun anno intero di servizio, e/o mesi, una quota pari e, comunque, non superiore all'importo della retribuzione dovuta, divisa per 13,5. La retribuzione presa in considerazione per il calcolo del TFR comprende tutte le somme corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, a titolo non occasionale e con esclusione di quanto è corrisposto a titolo di rimborso spese.
  • Il TFR, con esclusione della quota maturata nell'annodi competenza, è incrementato su base composta, al 31 Dicembre di ogni anno, con l'applicazione di un tasso costituito dall' 1,5% in misura fissa e dal 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo per operai e impiegati, accertato dall'ISTAT rispetto al mese di Dicembre dell'anno precedente.
I PRINCIPALI ELEMENTI DEL TFR
  • In base a quanto previsto dalla Legge 297/1982, gli elementi che distinguono il TFR dalla retribuzione ordinaria sono:
    - La maturazione del TFR avviene per ogni mese lavorato, o frazioni di mese di almeno 15 giorni.
    - Poiché col TFR viene differita la corresponsione degli importi, sugli stessi è prevista una rivalutazione legale per preservare il valore reale nonostante l'inflazione.
    - Il TFR costituisce un credito del lavoratore verso l'azienda ed una importante fonte di autofinanziamento per quest'ultima.
    - Il TFR non è imponibile ai fini previdenzial, mentre fiscalmente - trattandosi di importi relativi a più anni di lavoro - viene sottoposto a tassazione separata (più favorevole).
ANTICIPAZIONE SUL TFR
  • In quanto credito, il dipendente, con almeno 8 anni di anzianità lavorativa presso l'azienda, può chiedere (una sola volta) un'anticipazione del credito maturato, con i vincoli previsti all'art. 2120 C.C. (acquisto prima casa, interventi sanitari straordinari ecc.).
COMPUTATI NEL CALCOLO DEL TFR
  • Vengono computate ai fini del TFR:
    - PERMESSI Vengono computati ai fini del TFR solo qualora spetti una retribuzione
    - MALATTIA Il periodo viene considerato come lavorato ai fini del TFR, computando la retribuzione normale a cui il lavoratore avrebbe avuto diritto (art. 2120 C.C.)
    - MATERNITA' E PUERPERIO Il periodo viene considerato come lavorato ai fini del TFR, computando la retribuzione normale a cui il lavoratore avrebbe avuto diritto (art. 2120 C.C.)
    - INFORTUNIO Il periodo viene considerato come lavorato ai fini del TFR, computando la retribuzione normale a cui il lavoratore avrebbe avuto diritto (art. 2120 C.C.)
  • Non vengono computate ai fini del TFR
    - SERVIZIO DI LEVA Non viene computato ai fini del TFR, così come il servizio civile (Corte Cost. 802/1988)
TASSAZIONE DEL TFR DALL'1/1/2001
  • Il D. Lgs. 47/2000, in vigore dal 01/01/2001, ha radicalmente modificato la tassazione del TFR e degli importi ad esso assimilati (come l'indennità di preavviso) sulla base delle seguenti considerazioni:
    A) Il TFR è composto da più voci, ma la natura di una di queste voci (la rivalutazione del TFR dell'anno precedente) è più simile ad una rendita finanziaria che ad una retribuzione di prestazioni lavorative svolte
    B) Per esigenze di gettito e di omogeneità del prelievo fiscale, il legislatore ha ritenuto opportuno differenziare la tassazione della rivalutazione suddetta da quella del TFR.
    C) Per non compromettere i diritti acquisiti, la nuova forma di tassazione non deve influire sul TFR complessivamente maturato fino al 31/12/2000.
    D) La nuova articolazione della tassazione richiede una rimodulazione delle detrazioni fiscali, per garantire un passaggio "morbido" dal vecchio al nuovo regime.

Informazioni sull'autore
Copyright © 2002-2004 Tutti i diritti riservati
UIL Via Torriani, 27/29 - 22100 Como
Tel: 031. 273295 Fax: 031. 264132
www.uilcomo.it