Guglielmo Loy: comunicato Stampa del 24/11/2014
Periferie italiane a rischio: una famiglia straniera su tre sotto la soglia di povertà
Periferie italiane a rischio: una famiglia straniera su tre sotto la soglia di povertà
24/11/2014  | Sindacato.  

 

Fondazione Moressa

 

A partire dalle periferie di Roma si accendono i conflitti tra famiglie italiane e straniere, spesso dovuti ad una condizione di povertà diffusa. Da uno studio della Fondazione Leone Moressa su dati della Banca d’Italia, emerge che un terzo delle famiglie straniere vive al di sotto della soglia di povertà e che, mediamente, i redditi degli stranieri sono la metà di quelli degli italiani. Condizione abitativa precaria. Le famiglie straniere si concentrano prevalentemente nelle aree periferiche delle città e vivono in abitazioni più piccole (68 mq in media contro i 103 mq degli italiani). Mentre tra gli italiani la casa di proprietà è un ancora bene diffuso (per oltre il 70% delle famiglie), il 75% delle famiglie straniere vive in affitto, e appena il 13,7% è il proprietario dell’abitazione di residenza.

1) Ocse. Proietti: pressione fiscale impedisce la crescita<br>2) Ex Ilva. Palombella: piano pubblico per evitare di perdere altro tempo<br>3 ) Boom di lavoro nero nell’edilizia. Feneal Uil: interventi normativi urgenti per arginare il fenomeno
05/12/2019: NEWS UIL. Le notizie della UIL

1) Ocse. Proietti: pressione fiscale impedisce la crescita
2) Ex Ilva. Palombella: piano pubblico per evitare di perdere altro tempo
3 ) Boom di lavoro nero nell’edilizia. Feneal Uil: interventi normativi urgenti per arginare il fenomeno

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!