TERREMOTO  - Carmelo Barbagallo
Cgil Cisl Uil presentano proposte di modifica al Decreto Terremoto
decretoterremoto.jpg
05/07/2018  | Economia.  

 

 

Oggi in audizione presso la Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati i Segretari Confederali di Cgil, Cisl e Uil, Gianna Fracassi, Andrea Cuccello e Ivana Veronese, hanno presentato un documento unitario con delle proposte di modifica al cosiddetto “Decreto Terremoto”.



In particolare per i Segretari Confederali di Cgil, Cisl e Uil la priorità, oltre alla ricostruzione fisica delle case, deve essere data alla ripresa economica, sociale e lavorativa delle zone colpite dal sisma. Per questo hanno avanzato l’esigenza di accelerare la spesa delle risorse nazionali e, soprattutto, i 400 milioni di euro di risorse aggiuntive provenienti dai fondi comunitari.
Così come un’attenzione speciale va prestata per garantire servizi di welfare adeguati e di qualità quale precondizione imprescindibile per evitare l’abbandono del territorio.



Cgil, Cisl, Uil hanno posto l’esigenza di una proroga fino al 2020 per la restituzione dell’IRPEF attraverso la cosiddetta “busta paga pesante” e di aumentare le rate di restituzione fino a 120 mesi.
Per contrastare il fenomeno del lavoro sommerso e irregolare  il “DURC di congruità” va esteso anche ai territori interessati dal sisma del 2009 (cratere de L’Aquila). In considerazione, poi, del persistere di una situazione di difficoltà del tessuto produttivo è necessario garantire alle lavoratrici e lavoratori strumenti di sostegno al reddito, soprattutto per gli addetti nelle piccole imprese, che sono la maggioranza in quei territori, attraverso una revisione delle regole del Fondo di Integrazione Salariale (FIS) eliminando temporaneamente i limiti dai tetti massimi di questo strumento.
 


Molta attenzione è stata posta al tema della legittimità e sanabilità degli interventi di ricostruzione in quanto, per Cgil, Cisl e Uil, questo non deve essere l’occasione di riapertura dei termini di un condono. Permane infine il problema del recupero delle somme considerate dall’Ue aiuti di Stato erogati a 350 imprese alle quali è stata richiesta la restituzione dei tributi sospesi e dai quali erano stati esentati nell’emergenza post-sisma 2009 (Cratere L’Aquila). A tal proposito Cgil, Cisl e Uil propongono che la restituzione debba riguardare gli importi eccedenti la soglia di “De minimis” di 500 mila euro.

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!