FISCO  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: al prossimo Governo chiederemo riforma fiscale per ridurre tasse a lavoratori e pensionati
Il leader della Uil al Congresso della Uil di Salerno
Barbagallo_top_09042018.jpg
09/04/2018  | Sindacato.  

 

 

Sono ragazzini di 13-14 anni, piccoli talenti musicali. E sono gli allievi della Scuola media statale Monterisi di Salerno. A loro, la Uil di Salerno, in occasione della celebrazione del XVIII congresso del Sindacato cittadino, ha affidato l’esecuzione dell’Inno di Mameli. Un segno della volontà di puntare sui giovani e sul valore della cultura, ovunque e in particolare nel Sud del Paese. Un impegno sottolineato, con convinzione e determinazione, anche dal Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, intervenuto ai lavori del Congresso.

 

Barbagallo, inoltre, ha ribadito la posizione dell’Organizzazione sulla questione fiscale: “Il Paese non uscirà dalla crisi - ha sottolineato il leader della Uil - sino a quando i lavoratori, i pensionati e i giovani non saranno messi nella condizione di recuperare il loro potere d’acquisto.

 

Questo obiettivo si raggiunge in due modi: da un lato, rinnovando i contratti, e lo stiamo facendo, e dall’altro realizzando una riforma fiscale, rivendicazione che avanzeremo subito al prossimo Governo. Abbiamo i salari e le pensioni tra i più bassi d’Europa e la tassazione su lavoratori e pensionati tra le più alte. Ecco perché Cgil, Cisl, Uil - ha ribadito Barbagallo - chiederanno una riforma fiscale che punti a modificare questo stato di cose”.

 

Il leader della Uil, infine, ha ricordato che il prossimo Primo Maggio sarà dedicato al ricordo della vittime sul lavoro: “Purtroppo, c’è più attenzione al profitto che alla salute e alla sicurezza e anche questo determina un aumento degli incidenti. Ora basta: oltre al nostro impegno, è necessario che si mettano in campo azioni di controllo e di penalizzazione di tutti coloro che non rispettano le norme sulla sicurezza. Anche questa - ha concluso Barbagallo - sarà una rivendicazione che porremo all’attenzione del prossimo Governo”.

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!