PRECARIATO  - Ivana VERONESE
Veronese: nessun segnale di ripresa sul versante occupazionale
Qual č il destino dei contratti a termine scomparsi?
occupazione3_large.jpg
17/10/2019  | Occupazione.  

 

 

Nessun segnale di ripresa sul versante occupazionale nei primi 8 mesi dell´anno. I dati dell´Osservatorio sul Precariato, diffusi dall´Inps, mostrano una forte flessione, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno,  delle attivazioni di rapporti di lavoro, pari a 280 mila.

 

Aumentano di soli 63 mila i rapporti a tempo indeterminato, mentre aumentano di 36 mila quelli a chiamata. In forte diminuzione i contratti a termine (-190 mila) ed in somministrazione (-261 mila). Le trasformazioni dei contratti a termine in tempo indeterminato, sono pari a 163 mila in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E’ evidente che i contratti a termine, anche in somministrazione, che si sono chiusi per effetto spesso delle “causali” del Decreto Dignità, non si sono complessivamente trasformati in lavoro stabile.

 

Questi dati dimostrano il perdurare di una situazione di mancata ripresa economica, ma pongono anche un interrogativo su quale sia stato il “destino” dei contratti a termine scomparsi. Sono andati ad ingrossare le fila di quel lavoro sommerso che continua gravemente ad aumentare? Si sono trasformati in fittizie partite Iva? Oppure fanno parte di quell’incremento del 2,5% delle domande di Naspi e del 7, 6% delle domande di Discoll (disoccupazione dei somministrati)?

 

Ad oggi non abbiamo risposte!

 

 

 

 

Roma, 17 ottobre 2019

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!