DEF  - Silvana ROSETO
Roseto: Def, Bes e inclusione sociale potrebbero favorire ripartenza locomotore Italia
welfare_large.jpg
12/04/2017  | Welfare.  

 

 

La UIL  guarda con attenzione a quanto enunciato dal Governo, in sede di approvazione del DEF 2017, in riferimento agli indicatori BES (Benessere Equo e Sostenibile) e all’inclusione sociale come esplicito elemento di politica economica.

 

Se fosse confermato l’indirizzo emerso dal Consiglio dei Ministri, l’Italia sarebbe il primo Paese dell’Unione Europea e del G7 ad affiancare al Prodotto interno lordo (PIL)  indicatori riguardanti la qualità della vita dei cittadini e dei lavoratori (andamento del reddito medio disponibile, diseguaglianza dei redditi e mancata partecipazione al mercato del lavoro), ponendo un rinnovato accento al terreno sociale e ambientale.

 

La criticità sta nel fatto che si tratta solo del primo, pur importante, passo di un percorso da definire, concordare e confermare, a livello nazionale, anche in virtù del lavoro prodotto dall’Istat dal 2013 ad oggi e forti dell’attualità degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu.

 

In merito alle politiche di inclusione sociale, il varo del REI (Reddito di inclusione) è un significativo primo positivo risultato, che deve però poter avere gambe e fiato per divenire realmente strutturale, universalistico e utile attraverso un mix di erogazione monetaria e efficaci servizi di presa in carico per la necessaria inclusione lavorativa.

 

Quanto al rafforzamento e al coordinamento degli interventi in materia di servizi sociali dichiarato dal Governo, sarebbe auspicabile rimettere mano a uno strumento già presente nel nostro panorama normativo da ben 17 anni, ossia la legge 328/00, che prevede  l’approvazione dei LEPS, che per definizione ridurrebbero le differenze territoriali in tema di integrazione socio-sanitaria.

 

Infine, ci preme evidenziare l’aumento a partire dal 1° ottobre 2017 del prelievo erariale sugli apparecchi da intrattenimento c.d. “new slot” e sulla raccolta derivante dai medesimi che è solo la punta di un iceberg che deve essere contrastato con maggior convinzione, mediante una legge quadro di regolamentazione di un fenomeno in allarmante espansione e dall’effetto multidimensionale come il Gioco d’azzardo patologico.

 

In tutte queste scelte la UIL ha avuto un ruolo strategico di pressione istituzionale e di indirizzo, ma c’è ancora molto da fare per porre realmente tra le priorità dell’agenda politica il contrasto alle disuguaglianze che riteniamo essere una battaglia decisiva.

 

 

Roma, 12 aprile 2017

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!