PREVIDENZA  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: «Il confronto continua, ma Padoan ha messo paletti tutti da verificare»
CGIL, CISL, UIL torneranno a Palazzo Chigi il 13 novembre
confs_02112017.jpg
02/11/2017  | Sindacato.  

 

 

Lunedì 13 novembre. È questa la data che Governo e parti sociali hanno scelto per trarre le conclusioni sulla delicata e dibattuta questione previdenziale. Il confronto a Palazzo Chigi tra il premier Gentiloni, i ministri Padoan, Poletti, Madia, da un lato, e Barbagallo, Camusso e Furlan, dall’altro, ha sortito un primo parziale risultato: dare continuità alla trattativa in corso per trovare una soluzione al problema dell’aspettativa di vita.

 

«È positivo il fatto di avere deciso di dare continuità alla discussione - ha sottolineato il leader della Uil - che proseguirà già a partire da lunedì 6 novembre in sede tecnica e andrà avanti fino al lunedì 13 quando capiremo se ci sono posizioni convergenti e tireremo le fila di questo confronto. Tuttavia - ha proseguito il leader della Uil - il ministro Padoan ha messo dei paletti che sono tutti da verificare, ma per avere chiaro cos’è la sostenibilità nel sistema previdenziale, occorrerebbe innanzitutto separare l’assistenza dalla previdenza».

 

Il Governo ha precisato che al tavolo della trattativa si dovrebbero individuare, tra l’altro, le categorie di lavori gravosi. I Sindacati hanno chiesto, sì, di tenere conto della specificità dei singoli lavori, ma anche di intervenire sul sistema di calcolo relativo all’aspettativa di vita: «Le statistiche - ha concluso Barbagallo - sono fatte sulla base di criteri generali che non tengono conto della particolarità delle diverse mansioni».

 

 

Roma, 2 novembre 2017 

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!