PREVIDENZA  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: “Sabato ci sarà una grande manifestazione unitaria per previdenza e lavoro”
“Puntiamo a un nuovo accordo per risultati concreti”
top_11102017.jpg
11/10/2017  | Sindacato.  

 

 

“Sabato mattina ci sarà una grande mobilitazione in tutte le piazze italiane per rivendicare gli obiettivi della piattaforma unitaria e a sostegno delle trattative in corso con il Governo. Vogliamo ottenere risultati concreti e la riuscita di questa iniziativa sarà determinante”.

 

È quanto ha dichiarato il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, a margine dei direttivi di Cgil, Cisl, Uil dell’Umbria convocati su pensioni, giovani, sviluppo, in vista della manifestazione nazionale che si svolgerà sabato 14 ottobre in tutte le province italiane, con presidi davanti alle Prefetture.

 

“Noi vogliamo completare - ha proseguito Barbagallo - la seconda fase del confronto sulla previdenza, perché bisogna tutelare sia i giovani, costruendo sin da ora pensioni decenti, sia le donne, su cui spesso gravano i lavori di cura, sia i pensionati, ai quali occorre adeguare il loro magro reddito, sia i lavoratori che svolgono lavori gravosi. La devono smettere di dire che non ci sono le risorse necessarie che, invece, possono essere recuperate da 111 miliardi di evasione, 60 miliardi di corruzione e 27 miliardi di pizzo e usura. Così come la devono smettere di dire che ci occupiamo solo dei pensionati o di chi un lavoro già ce l’ha e, quando rivendichiamo diritti per i giovani, ci rispondono che c’è tempo per tali richieste. È necessario, inoltre, separare la previdenza dall’assistenza e, ancora, congelare l’incremento automatico dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita: i lavori non sono tutti uguali e non tutti possono andare in pensione alla stessa età. Fermiamo quel meccanismo - ha proseguito il leader della Uil - divenuto ingiusto e inaccettabile dopo l’approvazione della legge Fornero, e istituiamo una Commissione che stabilisca i criteri sulla base di valutazioni scientifiche e sullo studio delle patologie”. Barbagallo, infine, ha ricordato la necessità sia di prevedere più risorse per gli ammortizzatori sociali e benefici fiscali per assumere i giovani sia di definire rapidamente i contratti del pubblico impiego. “Lo scorso anno - ha concluso - su lavoro e pensioni, abbiamo fatto un primo accordo con il Governo, ottenendo un buon risultato e, ora, vogliamo continuare su questa strada: la manifestazione di sabato ci rafforzerà al tavolo della trattativa”.

 

Perugia, 11 ottobre 2017

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!