G7 LAVORO  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: garantire salari e diritti nell’economia digitale
Il leader della UIL a Torino al meeting internazionale
g7_lavoro_top.jpg
29/09/2017  | Occupazione.  

 

 

“Abbiamo presentato ai ministri del G7 un documento le cui linee guida sono innovazione e benessere lavorativo, ma anche orario e salari”. Lo ha annunciato il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, a margine del G7lavoro in svolgimento a Torino alla presenza dei ministri e delle parti sociali dei Paesi del G7. “La differenza tra ricchi e poveri - ha proseguito Barbagallo - è aumentata e bisogna riequilibrare questo divario evitando che l’impresa 4.0 si sviluppi senza garanzie per il mondo del lavoro”.

Il leader della Uil, inoltre, sollecitato dalle domande dei giornalisti, è intervenuto anche sul confronto in atto con il Governo su lavoro e pensioni: “È sbagliato - ha detto - fissare a 29 anni il tetto per gli sgravi contributivi. Nel Mezzogiorno, l’età media dei giovani disoccupati supera abbondantemente i 35 anni: chiederemo, dunque, di innalzare quel tetto. Inoltre - ha proseguito Barbagallo - se non si congela l’adeguamento automatico all’aspettativa di vita, non staremo fermi: faremo iniziative unitarie per convincere il Governo che quella è una misura che poteva andare bene prima della Fornero, ma che oggi aggrava la situazione. Peraltro - ha concluso Barbagallo -  nell’ultimo periodo l’aspettativa di vita è diminuita e quella norma non prevede questo tipo di adeguamento”.

 

Torino, 29 settembre 2017 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!