SCUOLA  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: “valorizzare il lavoro del personale scolastico”
Il Segretario Generale all’assemblea delle RSU Uil scuola
Barbagallo_top_28092017.jpg
28/09/2017  | Sindacato.  

 

 

 

“L’Italia è l’unico Paese in Europa in cui le retribuzioni di tutto il personale scolastico sono ancora bloccate: siamo un’anomalia” Lo ha ribadito il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, questa mattina, a Napoli, all’Assemblea generale della Rsu della Uil scuola, rilanciando così uno studio della categoria . “È bene che il Governo si sbrighi a fare il contratto per riconoscere agli insegnanti e a tutti gli addetti del settore il valore del loro lavoro. Noi vogliamo - ha sottolineato Barbagallo - una scuola pubblica che sia in grado di far emergere tutte le capacità dei nostri giovani e di generare un rapporto vero con il mondo del lavoro. In Italia, purtroppo, mancano alcune professionalità e così migliaia di posti di lavoro non vengono coperti. Lasciare che i nostri giovani vadano via - ha ribadito il leader della Uil - sarebbe un vero suicidio per la nostra economia: la scuola deve essere in grado di dare risposte anche a questo problema”.

 

 

Barbagallo, inoltre, è intervenuto sul tema previdenza: “Non si può andare in pensione a 70 anni - ha detto - ed ecco perché ci stiamo battendo per la flessibilità in uscita e per congelare lo scatto automatico legato all’aspettativa di vita. Noi chiediamo che venga istituita una Commissione che sia in grado di definire le specificità e le particolari patologie dei singoli lavori: la media del pollo non ha senso - ha concluso Barbagallo - ecco perché vorremmo discutere seriamente su come affrontare una questione così delicata”.

 

 

 

Napoli, 28 settembre 2017

 

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!