LAVORO  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: istituire reato specifico per incidenti sul lavoro. Serve un governo per affrontare i problemi dell’economia
Il leader della UIL al Congresso della UIL Abruzzo
Barbagallo_Uilabruzzo_15052018.jpg
15/05/2018  | Sindacato.  

 

 

All’indomani degli ennesimi incidenti mortali, il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, a margine del Congresso regionale della Uil Abruzzo, è tornato sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, rimarcando con fermezza la posizione della sua Organizzazione: “Bisogna smetterla con il pianto del giorno dopo: occorre fare di tutto per la prevenzione. La Confindustria e gli imprenditori - ha sottolineato il leader della Uil - devono capire che non si può più andare avanti con questa tragica sequela, sappiano che non resteremo passivi. Mi convinco sempre più che, così come è stato istituito il reato di omicidio stradale, occorra istituire un reato per omicidio da omissione di salvaguardie per la salute e sicurezza”.

 

Barbagallo, poi, è intervenuto anche sulla complessa questione della formazione del nuovo Esecutivo: “Al Paese - ha detto - serve un Governo perché siano affrontati e risolti i tanti problemi aperti che frenano la nostra economia. Sono necessari investimenti sia in infrastrutture materiali e immateriali sia per mettere in sicurezza il nostro territorio, soggetto a forti rischi idrogeologici e sismici. In questo quadro, peraltro, sarà necessario far modificare la norma del fiscal compact, per poter uscire da una politica economica restrittiva che blocca la crescita del Paese, evitare l’aumento dell’Iva, ridiscutere con l’Europa le questioni del settore agroalimentare”.

 

Infine, il leader della Uil è intervenuto anche sulla vicenda della Honeywell che ha deciso di smantellare il proprio stabilimento abruzzese e di trasferire la produzione in Slovacchia: “Ribadisco la proposta della nostra Organizzazione: bisogna creare regole europee e internazionali per evitare che le multinazionali facciano inaccettabili scelte unilaterali. Se queste imprese decidono di delocalizzare - ha concluso Barbagallo - devono prima restituire tutti i vantaggi economici, fiscali e contributivi di cui hanno beneficiato operando nei nostri territori”.

 

 

Lanciano (Chieti), 15 maggio 2018 

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!